Skip to main content
Plasmare il futuro digitale dell'Europa
Digibyte | Pubblicazione

L'Europa aumenta gli investimenti nella ricerca 6G e seleziona 35 nuovi progetti per un valore di 250 milioni di EUR

L'impresa comune "Reti e servizi intelligenti" (impresa comune SNS) ha selezionato il suo primo portafoglio di 35 progetti di ricerca, innovazione e sperimentazione per consentire l'evoluzione degli ecosistemi 5G e promuovere la ricerca sul 6G in Europa. Con un finanziamento combinato per questo nuovo portafoglio di circa 250 milioni di EUR nell'ambito di Orizzonte Europa, l'obiettivo è costruire una catena di approvvigionamento europea di prima classe per i sistemi 5G avanzati e costruire le capacità tecnologiche europee del 6G.

Two dice faces showing 5G evolving into 6G

In totale sono stati selezionati 35 progetti di ricerca e innovazione (R &I) a seguito della valutazione delle proposte presentate nell'ambito del primo invito dell'impresa comune "Reti e servizi intelligenti" (impresa comune SNS). Il lancio ha fatto seguito alla decisione formale del consiglio di amministrazione dell'SNS di luglio e alla presentazione odierna del portafoglio presso il gruppo di rappresentanti degli Stati SNS (SRG).

L'impresa comune SNS mira a rafforzare la leadership europea nello sviluppo e nella diffusione di tecnologie di rete di prossima generazione, nonché di dispositivi e servizi connessi, attraverso un'ambiziosa tabella di marcia per la R &Ie una solida agenda di diffusione. Contribuisce inoltre agli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) delle Nazioni Unite verso infrastrutture e servizi di rete sostenibili, resilienti e climaticamente neutri.

I progetti di R &I; svilupperanno componenti, sistemi e reti di comunicazione intelligente per il 6G seguendo entrambi un percorso evolutivo attraverso ulteriori miglioramenti della tecnologia avanzata del 5G, nonché un percorso più rivoluzionario, studiando i vantaggi dei promettenti facilitatori tecnologici. Le iniziative di convalida tecnologica svilupperanno infrastrutture sperimentali SNS e condurranno prove e progetti pilota su larga scala in diversi settori commerciali e industriali quali i media, l'Internet degli oggetti industriali, l'energia, l'edilizia, l'industria automobilistica, la sanità elettronica, la cultura, l'agricoltura e l'istruzione.

Panoramica del portafoglio di progetti

Filone A — Componenti, sistemi e reti di comunicazione intelligente per i sistemi di evoluzione a medio termine del 5G.

I sette (7) progetti nell'ambito di questo filone (BeGreen, 5G-STARDUST, SEASON, 6Green, verge, NANCY, ACROSS) seguono un percorso evolutivo verso lo sviluppo delle reti 6G. I progetti selezionati dimostrano la complementarità e sono stati selezionati in modo da creare una visione completa del sistema. Tra i temi di ricerca trattati figurano le reti radio efficienti sotto il profilo energetico, la RAN adattiva aperta, le reti integrate 5G non terestriali (NTN), le piattaforme edge basate sull'IA e la gestione intelligente delle risorse che garantisce la sicurezza e l'affidabilità della vita privata e della tutela della vita privata.

Filone B — Ricerca per il progresso tecnologico rivoluzionario verso il 6G.

L'accento è posto sulle nuove tecnologie che dovrebbero essere adottate nelle reti commerciali a medio e/o lungo termine. Temi di ricerca esaminati nei diciannove (19) progetti selezionati (EINSTEIN6G, ADROIT6G, DESIRE6G, PREDICT-6G, TERA6G, TERRAMETA, 6GTandem, CENTRIC, TIMES, FLEX-SCALE, ETHER, 6G-NTN, SUPERIOT, CONFIDENTIAL6G, rigourous, HORSE, privateer, Hexa-X-II, 6G-SHINE) comprendono, tra l'altro, nuove architetture di sistema 6G, tecnologie avanzate di comunicazione senza fili e ottiche, progressi nelle reti non terrestri, sviluppo sicuro di applicazioni di comunicazioni ultraaffidabili e a bassa latenza (URLLC).

Filone C — Infrastrutture sperimentali SNS.

I tre (3) progetti del filone C (6G-SANDBOX, 6G-BRICKS, 6G-XR) mirano a sviluppare piattaforme di sperimentazione a livello dell'UE in grado di integrare promettenti facilitatori tecnici 6G per la loro ulteriore convalida. Gli aspetti fondamentali dei progetti sono la riutilizzabilità e la capacità di evolvere delle piattaforme sperimentali nel corso della durata del programma SNS. L'accessibilità e l'apertura con interfacce tecnologiche e commerciali ben definite e chiaramente documentate sono anch'esse considerate elementi chiave delle infrastrutture da sviluppare.

Filone D — Trials and Pilots SNS su larga scala.

Quattro (4) progetti (TARGET-X, TrialsNet, FIDAL, IMAGINE-B5G) stanno attuando sperimentazioni SNS su larga scala e progetti pilota con specifici verticali di grande importanza economica e sociale. L'obiettivo è esplorare e dimostrare le tecnologie 5G/6G, le applicazioni e i servizi avanzati in settori verticali quali l'energia, l'edilizia, l'industria automobilistica, l'industria manifatturiera, la sanità elettronica, la cultura e i media. Inoltre, queste sperimentazioni su vasta scala mirano a fungere da catalizzatore per la creazione di ecosistemi imprenditoriali vitali. I progetti del filone D comprendono tecnologie che sono attualmente fattori chiave per le reti 6G, come l'IA/ML, la cibersicurezza, le soluzioni cloud/edge e l'Internet delle cose avanzate, ecc.

Il portafoglio di progetti comprende due (2) azioni di coordinamento e sostegno (SNS OPS & ampSNS ICE) incentrate sugli aspetti operativi interni del partenariato SNS, nonché sull'istituzione di dialoghi con le iniziative dell'UE (ad esempio partenariati correlati, iniziative nazionali, ecc.) e sulla promozione dei risultati e dei risultati dell'SNS a livello mondiale, lavorando nel contempo alla definizione di norme globali.

Contesto

Nel novembre 2021 il regolamento (CE) n. 2021/2085 del Consiglio ha istituito l'impresa comune SNS come entità giuridica e di finanziamento, uno dei partenariati europei per accelerare la transizione verde e digitale. Questo partenariato è guidato congiuntamente dalla Commissione europea e dall' Associazione dell'industria delle reti e dei servizi intelligenti 6G (6G-IA). Il 6G-IA è la voce dell'industria e della ricerca europee per le reti e i servizi di prossima generazione. La 6G-IA riunisce una comunità industriale globale di operatori del settore delle telecomunicazioni e del settore digitale, quali operatori, fabbricanti, istituti di ricerca, università, verticali, PMI e associazioni TIC.

L'impresa comune SNS consente di riunire le risorse dell'UE e dell'industria in reti e servizi intelligenti. Promuove inoltre l'allineamento con gli Stati membri in materia di ricerca e innovazione 6G e la diffusione di reti 5G avanzate. L'impresa comune SNS definisce una missione ambiziosa con un bilancio dell'UE di 900 milioni di EUR per il periodo 2021-2027. Il settore privato contribuirà con risorse almeno uguali (ossia 900 milioni di EUR) alle attività dell'impresa comune SNS.

L'impresa comune SNS ha due missioni principali:

  • Promuovere la sovranità tecnologica dell'Europa nel 6G attuando il relativo programma di ricerca e innovazione (R &I) che porta alla concezione e alla standardizzazione intorno al 2025.
  • Promuovere la diffusione del 5G in Europaal fine di sviluppare mercati guida digitali e consentire la transizione digitale e verde dell'economia e della società. A tal fine, l'impresa comune SNS coordina gli orientamenti strategici per i pertinenti programmi nell'ambito del meccanismo per collegare l'Europa, in particolare per i corridoi 5G.

Il gruppo di rappresentanti degli Stati (SRG) è una parte essenziale della governance dell'impresa comune SNS. L'SRG fornisce orientamenti su tutte le questioni strategiche e su tutte le attività pertinenti del partenariato. In particolare, fornisce orientamenti sulla R &Inell'ambito di Orizzonte Europa e sulle attività di realizzazione nell'ambito del CEF2 Digitale o di altri programmi dell'UE. È composto da rappresentanti degli Stati membri e dei paesi associati.

Il primo invito a presentare proposte SNS nell'ambito di Orizzonte Europa è stato pubblicato il 18 gennaio 2022 e chiuso il 26 aprile 2022. L'apertura del secondo invito a presentare proposte SNS è prevista per gennaio 2023.