Skip to main content
Plasmare il futuro digitale dell'Europa
Event report | Pubblicazione

La Commissione europea alla settimana dell'IoT 2022

Esperti dell'industria e del mondo accademico si sono riuniti a giugno alla conferenza di Dublino per discutere dell'IoT e del futuro dell'edge computing, comprese le tendenze nelle piattaforme digitali e nella normazione, negli spazi di dati settoriali, nelle tecnologie dell'Internet degli oggetti per lo sviluppo sostenibile e nella cooperazione transatlantica.

Banner of the IoT Week event

Organizzata ogni anno dal forum dell'IoT, la settimana dell'IoT offre agli esperti dell'industria e del mondo accademico una piattaforma per discutere il ruolo strategico dell'Internet degli oggetti nella digitalizzazione della nostra economia e della nostra società. Dal 20 al 23 giugno 2022, oltre 380 oratori e quasi 700 partecipanti provenienti da 49 paesi hanno potuto riunirsi fisicamente, questa volta in Irlanda, dopo che l'evento dell'anno scorso è stato reso completamente virtuale a causa delle restrizioni legate alla COVID-19.

I rappresentanti della Commissione hanno organizzato e partecipato a numerose sessioni di conferenza, suscitando discussioni sull'orientamento strategico relativo all'internet degli oggetti sostenibili, alla normazione e alla sicurezza. Le sessioni hanno impresso un forte impulso alla politica dei dati, agli spazi di dati e ai mercati dei dati, con il sostegno dell'Alleanza per l'innovazione dell'Internet delle cose (AIOTI) e della Big Data Value Association (BVDA).

Per mantenere i suoi punti di forza nel continuum informatico, l'Europa deve creare future piattaforme europee per l'Internet degli oggetti e il vantaggio, che siano guidate dalla comunità e aperte. Il 22 giugno si è tenuta una sessione inaugurale dedicata a un nuovo cluster di 6 azioni di ricerca e innovazione sui sistemi metaoperativi (RIA) — ICOS, Fluidos, NEMO, nebuloso, Aeros e NEPHELE — e 3 azioni di coordinamento e sostegno (CSA) — OpenContinuum, Unlock-CEI eHiPEAC — nel settore cloud-edge-IoT, che hanno ricevuto 64 milioni di EUR di finanziamenti dell'UE e il 1º settembre sono iniziati il (con il lancio di Unlock-CEI e HiPEAC rispettivamente il 1º giugno e il 1º dicembre). La sessione ha inoltre discusso del lancio di un nuovo portale web eucloudedgeiot.eu che funga da piattaforma per sostenere l'ecosistema di Orizzonte Europa e promuovere opportunità di inviti aperti e progetti pilota su vasta scala.

Al di fuori delle 115 sessioni della conferenza, i dichiaranti sono stati in grado di conoscere varie altre iniziative di ricerca e innovazione finanziate dall'UE che illustrano il loro lavoro nello spazio espositivo della settimana dell'IoT, inaugurate dal ministro irlandese del Partito verde del piccolo di Stato Ossian, che includevano progetti quali Demeter, GateKeeper, InterConnect, NGIoT, OpenDEI e VEDLIoT.

Potenza fino al bordo

In rappresentanza della direzione generale delle Reti di comunicazione, dei contenuti e delle tecnologie della Commissione europea (DG CONNECT), direttore delle future reti Pearse O'Donohue, durante la cerimonia di apertura dell'evento è stata illustrata la visione globale dell'UE in materia di Internet degli oggetti. Nel contesto geopolitico che l'Europa si trova attualmente ad affrontare, ha sottolineato la necessità di rafforzare la nostra sovranità tecnologica e ridurre le nostre dipendenze in alcuni settori critici. Per affrontare queste sfide, la Commissione ha continuato a realizzare le sue priorità digitali e ad avviare nuove iniziative ambiziose.

Il primo è REPowerEU: un piano per arrestare la dipendenza dell'Europa dai combustibili fossili russi prima del 2030 diversificando, risparmiando e accelerando la transizione verso l'energia pulita. Parallelamente, la Commissione sta elaborando un piano d'azione per la digitalizzazione dell' energia, che funge da sinergia con REPowerEU. Un sistema energetico intelligente sostenuto dall'IoT può apportare vantaggi in termini di efficienza energetica ai consumatori fornendo gli strumenti per comprendere e gestire il consumo, la produzione e lo stoccaggio di energia, in tempi di aumento delle quote di energie rinnovabili, produzione decentrata e veicoli elettrici. Un principio innovativo fondamentale dell' IoT di prossima generazione che consente questo sistema energetico intelligente è l'intelligenza decentrata, che funge da tecnologia facilitatrice per portare l'energia ai margini della rete.

Un altro punto sollevato è quello della normativa europea sui semiconduttori. Nel febbraio 2022 la Commissione ha adottato una proposta da 43 miliardi di EUR per rafforzare l'ecosistema dei semiconduttori nell'UE, garantendo la resilienza delle catene di approvvigionamento e riducendo le dipendenze esterne. Ciò consentirà all'Europa di raddoppiare la propria quota di mercato mondiale dei semiconduttori portandola al 20 %, in linea con gli obiettivi di sovranità tecnologica dell'UE. Un obiettivo è quello di creare semiconduttori per futuri sensori intelligenti e sistemi di edge computing, sostenendo nuovamente il paradigma "power to the edge". In quanto tale, l'Europa deve assumere un ruolo guida nell'esplorazione e nello sfruttamento dei paradigmi emergenti, come l'intelligenza decentrata, il "swarm computing" e l'informatica cognitiva.

Con l'avvicinarsi della potenza di calcolo all'estremità, la legislazione in materia di dati influenza le regole in tutto il continuum di calcolo. La Commissione ha presentato il quadro legislativo per un'economia dei dati fiorente, come la legge sui dati proposta al Consiglio e al Parlamento nel marzo 2022, con l'obiettivo di rendere disponibile un maggior numero di dati e di stabilire norme sull'utilizzo e l'accesso ai dati.

La strategia europea per i dati mira a creare un mercato unico dei dati che garantisca la nostra competitività e sovranità a livello mondiale. Attraverso l'Europa digitale, la Commissione sta coinvestendo nella realizzazione di spazi comuni europei di dati per settori quali l'agricoltura, l'energia, l'assistenza sanitaria, l'industria manifatturiera e i trasporti, al fine di garantire che un maggior numero di dati sia disponibile per l'uso nella nostra economia e nella nostra società, mantenendo al contempo sotto il controllo le imprese e le persone che li generano.

L'UE sta investendo in un'offerta europea federata di continuum cloud che soddisfi gli elevati standard di protezione, sicurezza, efficienza energetica e portabilità dei dati necessari per la transizione digitale. Dal 2021 la Commissione investe fino a 2 miliardi di EUR nell'ambito di programmi di finanziamento quali il meccanismo per collegare l'Europa, Europa digitale, Orizzonte Europa e NextGenerationEU. I governi nazionali sono destinati a integrare tali investimenti, insieme al loro impegno a favore della dichiarazione degli Stati membri sul cloud computing e attraverso il dispositivo per la ripresa e la resilienza.

La collaborazione è fondamentale

Queste iniziative europee dimostrano come rispondere alle sfide geopolitiche possa rappresentare un'opportunità per accelerare le transizioni verde e digitale. A tal fine dobbiamo unire le forze a livello dell'UE e continuare a investire per costruire un'Europa sostenibile, competitiva e sovrana per i suoi cittadini.

Ma è fondamentale anche lavorare con paesi che condividono gli stessi principi e condividono i nostri obiettivi e valori. Lacollaborazione internazionale può iniziare all'inizio del ciclo di sviluppo tecnologico: il 21 giugno 2022, in una sessione esclusiva della settimana dell'IoT con oratori americani, l'UE ha avviato una nuova collaborazione sulla ricerca fondamentale tra la Commissione e la Fondazione nazionale per la scienza degli Stati Uniti, incentrata su nuovi concetti per l'informatica distribuita e l'intelligence di sciarm.

Entrambe le parti hanno concordato le prossime tappe da intraprendere per concentrarsi sulla ricerca di base di nuovi concetti per l'informatica distribuita e l'intelligence di sciarm, istituendo una CSA per la paesaggistica e l'intermediazione, nonché sulla cooperazione bilaterale tra coppie di progetti attraverso partner di ricerca, e istituendo seminari periodici a rotazione (sia online che fisica) per la condivisione delle conoscenze, la prima delle quali avrà luogo nel settembre 2022.

Lavorare insieme in una fase precompetitiva sarà di reciproco vantaggio per tutti gli attori dell'innovazione su entrambe le sponde dell'Atlantico e spianerà la strada a norme e architetture comuni del futuro.

Più informazioni

La digitalizzazione dell'agricoltura

La digitalizzazione del sistema energetico

La digitalizzazione del settore della mobilità