Skip to main content
Plasmare il futuro digitale dell'Europa

Uso dello spettro radio da parte del settore pubblico

Gli enti pubblici utilizzano lo spettro radio in una serie di settori per migliorare la vita pubblica. Le politiche dell'UE contribuiscono a coordinare tali sforzi a livello transfrontaliero.

    Comunicazioni radio di emergenza

© Getty Images - MaboHH

Gli enti pubblici sono utenti sostanziali dello spettro. I più importanti utenti del settore pubblico dello spettro sono la difesa, la comunità scientifica e di ricerca, la navigazione e l'osservazione della Terra, i trasporti pubblici (in particolare per quanto riguarda le comunicazioni di sicurezza), la sicurezza pubblica e i servizi di emergenza (polizia, vigili del fuoco, pronto soccorso, ricerca e soccorso, soccorso in caso di catastrofe).

Questi servizi sono stati tra i primi a implementare tecnologie radio, ad esempio, per la sicurezza pubblica e la difesa. Essi continuano ad essere un'alta priorità per l'assegnazione dello spettro da parte dei governi, in particolare delle frequenze preziose inferiori a 15 GHz. Questi enti pubblici forniscono servizi a livello nazionale, regionale e locale.

Coordinamento dell'uso dello spettro radio da parte del settore pubblico a livello transfrontaliero

L'uso dello spettro radio da parte del settore pubblico è spesso legato agli obiettivi di interesse generale definiti a livello nazionale. Pertanto, essa rientra principalmente nella competenza nazionale. Tuttavia, in molti casi i servizi pubblici devono essere organizzati in modo coordinato a livello transfrontaliero. Pertanto, l'uso pubblico dello spettro è in alcuni casi coordinato a livello mondiale e dell'UE.

Negoziati internazionali

L'assegnazione dello spettro è generalmente considerata e negoziata a livello globale. Le decisioni prendono la forma di modifiche ai regolamenti radio, che richiedono un consenso in occasione delle conferenze mondiali delleradiocomunicazioni dell'Unione internazionale delle telecomunicazioni (ITU).

Per un certo numero di settori, come l'aviazione civile, l'aviazione civile, lo spazio e i satelliti, l'osservazione della Terra, la meteorologia e i servizi scientifici, l'uso dello spettro dipende dalle scelte fatte dalle organizzazioni e dalle agenzie settoriali specializzate delle Nazioni Unite. Questi includono l' Organizzazione per l'aviazione civile internazionale (ICAO), l' Organizzazione marittima internazionale (IMO) e l' Organizzazione meteorologica mondiale (OMM).

Spettro nell'UE

Poiché l'uso dello spettro da parte dei servizi pubblici deve essere organizzato in modo coordinato a livello transfrontaliero, le politiche settoriali dell'UE sono rilevanti per lo spettro nell'UE. Esempi si possono trovare nei settori dei trasporti delle comunicazioni (cielo unico europeo, sicurezza stradale, navigazione satellitare), spazio (politica spaziale europea), ambiente (osservazione terrestre, protezione civile), salute (eInclusion, eHealth), sicurezza (controllo delle frontiere) e servizi scientifici.

L'obiettivo generale della politica dello spettro è massimizzare il valore sociale ed economico che l'Europa deriva dall'uso dello spettro radio. Poiché il settore pubblico è un utilizzatore significativo dello spettro, tale uso dovrebbe essere il più efficiente sotto il profilo socioeconomico possibile. Pertanto, una politica equilibrata dell'UE in materia di spettro comprende la considerazione delle esigenze del settore pubblico in materia di spettro, anche se una serie di tipi di utilizzo del settore pubblico non rientrano nelle competenze giuridiche e istituzionali dell'UE. Il raggiungimento di maggiori prestazioni operative e il rafforzamento del valore economico e sociale dello spettro radio potrebbero potenzialmente migliorare l'erogazione del servizio pubblico e rafforzare la competitività generale dell'economia europea.

La misura in cui l'uso pubblico dello spettro radio è disciplinato dalla legislazione dell'UE deve essere deciso caso per caso. Alcune misure di armonizzazione adottate a livello dell'UE mirano a sostenere l'uso pubblico dello spettro radio, ad esempio per le applicazioni connesse alla sicurezza stradale dei sistemi di trasporto intelligenti.

Questioni da esaminare ulteriormente:

  • Aumentare la trasparenza sull'uso dello spettro da parte del settore pubblico attraverso indagini periodiche sull'uso dello spettro e valutare le esigenze future previste del settore pubblico. Elaborazione di piani strategici a lungo termine per l'assegnazione dello spettro nel settore pubblico.
  • Valutazione delle esigenze in materia di spettro radio connesse alla fornitura di servizi pubblici e applicazioni connesse a specifiche politiche dell'UE: trasporto aereo (iniziative del cielo unico europeo per la gestione del traffico aereo), trasporto ferroviario (sistema europeo di gestione del traffico ferroviario — ERTMS), trasporto su strada (Sistemi di trasporto intelligenti), comunicazioni di emergenza e sicurezza pubblica (PPDR) e altro ancora.
  • Dato che lo spettro è una risorsa limitata e scarsa, è importante scegliere tra l'allocazione dello spettro per usi del settore pubblico e quelli non pubblici (privato o commerciale) e stabilire meccanismi per trovare un equilibrio realistico.
  • Riassegnazione o riassegnazione dello spettro a usi o utenti che generano un valore socioeconomico più elevato — tra utenti del settore pubblico o tra utenti del settore pubblico e non pubblici. I cambiamenti nell'uso dello spettro dovrebbero essere attuati in modo tempestivo ed efficace sotto il profilo dei costi.
  • Le procedure di appalto utilizzate dagli enti pubblici per l'acquisto di apparecchiature e servizi senza fili hanno un impatto sulle esigenze di spettro radio, sia in termini di uso efficiente dello spettro che di interoperabilità. Gli approvvigionamenti e le scelte tecnologiche dovrebbero essere effettuati in linea con le buone pratiche di gestione dello spettro.
  • Armonizzazione dell'uso dello spettro radio per i settori pubblici al fine di conseguire:
    • fornitura di servizi transfrontalieri (paneuropei);
    • economie di scala per la produzione di attrezzature;
    • il livello minimo possibile di interferenze tra i sistemi nazionali.
  • Elaborazione di piani strategici a lungo termine per l'armonizzazione delle assegnazioni del settore pubblico a livello europeo e mondiale (WRC).
  • La condivisione delle bande di frequenza tra gli utenti del settore pubblico e tra gli utenti del settore pubblico e quelli non pubblici al fine di ottimizzare l'uso dello spettro radio. Individuare opportunità promettenti per la condivisione dello spettro.

Investire nella ricerca e nell'innovazione tecnologica con l'obiettivo di ottenere un uso più efficiente dello spettro, una maggiore condivisione delle bande di frequenza, una maggiore interoperabilità e economie di scala a livello europeo. Identificare le bande di frequenza in cui l'introduzione di nuove tecnologie spettralmente efficienti per l'uso da parte del settore pubblico, e quindi l'eliminazione graduale di quelle obsolete, spesso porta a ulteriori "dividaggi digitali", o riallocazioni dello spettro nella banda 700 MHz, definita come il segmento superiore della banda UHF (che oscilla tra 698-806-MHz) Man mano che la digitalizzazione televisiva progredisce, i canali vengono migrati e lo spettro viene liberato per i servizi mobili a banda larga.

Ultime notizie

RELAZIONE / STUDIO |
Studio: l'uso della banda UHF al di sotto dei 700 MHz per la trasmissione televisiva e gli eventi

Lo studio analizza e valuta gli sviluppi e le tendenze nell'uso della banda al di sotto dei 700 MHz, riservata nell'UE alle stazioni televisive per trasmettere contenuti alle abitazioni dei loro clienti, nonché per le apparecchiature audio senza fili utilizzate a sostegno della trasmissione e della copertura di notizie ed eventi quali concerti ed eventi sportivi.

Contenuti correlati

Quadro generale

Politica dell'UE in materia di spettro radio per le connessioni senza fili transfrontaliere

Consentire connessioni wireless senza soluzione di continuità a livello transfrontaliero in modo da poter condividere i media, rimanere informati e godere delle più recenti tecnologie innovative ovunque ci trovino, coordinando e collaborando nello spettro radio. Questo settore...

Vedere anche

Usi dello spettro radio

La Commissione definisce obiettivi ambiziosi di connettività da conseguire attraverso la diffusione e la diffusione di reti ad altissima capacità, comprese le reti senza fili come il 5G, il Wifi e il satellite.

Comitato per lo spettro radio

Il Comitato per lo spettro radio (RSC) è responsabile delle misure tecniche specifiche necessarie per attuare la più ampia politica in materia di spettro radio.