Skip to main content
Plasmare il futuro digitale dell'Europa

Il futuro dell'agricoltura è qui

Il futuro dell'agricoltura si basa sulla ricerca, l'innovazione e lo sviluppo di capacità nel settore agroalimentare finanziato attraverso iniziative quadro multifinanziarie.

    Un'immagine raffigurante la trasformazione digitale dell'agricoltura.

Getty Images

Un grafico che mostra le previsioni della digitalizzazione dell'agricoltura nel prossimo quadro finanziario pluriennale.

Orizzonte Europa

Nell'ambito del programma Orizzonte Europa, la ricerca e l'innovazione (R&I) sono un fattore chiave per accelerare la transizione verso sistemi alimentari sostenibili, sani e inclusivi. La Commissione ha investito in progetti di Orizzonte 2020 per promuovere l'innovazione nel settore agricolo e nell'ambito del secondo pilastro di Orizzonte Europa, 9 miliardi di EUR saranno investiti nel cluster 6 "alimentare, bioeconomia, risorse naturali, agricoltura, pesca, acquacoltura e ambiente", compreso l'uso di soluzioni digitali per il settore agricolo. Inoltre, nell'ambito del secondo pilastro, del Cluster 4 "Digital, Industry and Space", tecnologie innovative come IoT, cloud e edge computing, AI, robotica e blockchain saranno testate e convalidate nei casi d'uso agricolo.

Cluster 4: Digitale, industria e spazio

Test e validazione di tecnologie innovative attraverso casi d'uso in agricoltura: IoT, AI, robotica, blockchain e edge computing.

Cluster 6: Alimentazione, bioeconomia, risorse naturali, agricoltura e ambiente

  • Applicare tecnologie avanzate nel settore agroalimentare: droni, IoT intelligente, AI, upscaling dati dei sensori in tempo reale, soluzioni 5G e edge per l'agricoltura remota
  • Analisi dei benefici incrociati
  • Potenziale esplorazione del mercato, tabella di marcia per l'adozione delle tecnologie

IL DIGITALE

Il programma DIGITAL:

  • Uno spazio comune europeo di dati agricoli
  • Strutture di test e sperimentazione dell'IA
  • Hub dell'innovazione digitale
  • Competenze digitali

Uno spazio comune europeo di dati agricoli

  • La Commissione sosterrà l'attuazione di uno spazio comune europeo di dati agricoli che faciliti la condivisione e la condivisione affidabili dei dati agricoli.
  • Lo spazio dati aumenterà le prestazioni economiche e ambientali del settore agricolo.
  • Ottimizzerà l'uso delle risorse naturali e contribuirà agli obiettivi del Green Deal e della politica agricola comune.

Nello sviluppo di modelli di governance e di business per lo spazio comune europeo di dati agricoli, si terrà conto dell'evoluzione del contesto normativo e delle esperienze con il codice di condotta dell'UE sulla condivisione dei dati agricoli mediante accordo contrattuale.

Un grafico che mostra i diversi attori che beneficiano della creazione di uno spazio comune europeo di dati agricoli.

Test di Intelligenza Artificiale e Sperimentazione

  • Nell'ambito del programma Europa digitale, la Commissione europea e gli Stati membri svilupperanno strutture di prova e sperimentazione di riferimento di livello mondiale e su larga scala (TEF) per l'IA in diversi settori, tra cui quello agroalimentare.
  • I fornitori di tecnologie innovative come le start-up e le PMI beneficeranno di un supporto professionale nel testare e convalidare le loro soluzioni di intelligenza artificiale e robotica in condizioni reali.
  • Ci sarà una spinta nell'adozione di un'IA affidabile per il settore agroalimentare europeo.

TEF beneficerà di aggiornamenti agli standard di riferimento mondiali.

Un grafico che mostra i diversi attori che beneficiano di strutture di sperimentazione e sperimentazione nel settore agroalimentare.

Poli europei dell'innovazione digitale

La Commissione accelererà il miglior uso delle tecnologie digitali istituendo poli europei dell'innovazione digitale (EDIH). Nel settore agricolo, le esperienze e gli insegnamenti tratti dagli attuali DIH SmartAgriHubs e AgroRobofood saranno un buon punto di riferimento.

I DIH europei forniscono competenze tecnologiche e strutture di sperimentazione per consentire la trasformazione digitale dell'industria e del settore pubblico.

Un grafico che mostra i vari vantaggi offerti dai poli europei dell'innovazione digitale.

Competenze digitali

Come si vede nella grafica, le competenze (digitali) e la formazione sono essenziali per il successo degli EDIH. Sono necessari investimenti per migliorare le competenze digitali degli agricoltori. Ciò può essere ottenuto attraverso programmi di istruzione specializzati o moduli in settori chiave di capacità. Inoltre, dovrebbe essere fornito un sostegno alla progettazione e all'attuazione di corsi specifici in tecnologie digitali per i professionisti del settore agricolo.

Quali sono gli obiettivi principali della nuova politica agricola comune?

Si propone di strutturare la politica agricola comune (PAC) dopo il 2020 attorno a 9 obiettivi specifici e a un obiettivo trasversale in materia di digitalizzazione, conoscenza e innovazione. Gli Stati membri disporranno di un portafoglio di strumenti della PAC che possono includere nei loro piani strategici nazionali della PAC per promuovere la digitalizzazione nell'agricoltura e nelle zone rurali, ad esempio servizi di consulenza, scambio di conoscenze, sostegno agli investimenti o partenariato europeo per l'innovazione per la produttività e la sostenibilità agricola (PEI-AGRI).

Un grafico che illustra l'aspetto trasversale della conoscenza e dell'informazione digitali nel contesto dei 9 obiettivi della politica agricola comune.

Il PEI-AGRI (European Innovation Partnership for Agricultural Productivity & Sustainability) mira a:

  • Promuovere l'innovazione per un'agricoltura e una silvicoltura competitive e sostenibili nell'UE.
  • Sostenere progetti innovativi del Gruppo Operativo (OG) incentrati sulle esigenze degli agricoltori di co-creare e testare soluzioni innovative pronte per la pratica.
  • Finora sono stati finanziati 2000 progetti OG, alcuni dei quali lavorano su innovazioni basate sul digitale.

E la strategia Farm to Fork?

Uno dei pilastri del Green Deal dell'UE è la strategia "Dal produttore al consumatore". In questa strategia, gli obiettivi 2030 per la produzione alimentare sostenibile sono impegnativi e ambiziosi per il settore agricolo, in cui il digitale è una chiave per il successo. Un'attuazione di successo di questa strategia è stata un caso d'uso IoF2020 sull'agricoltura coltivabile, in cui le tecnologie IoT sono state utilizzate per ottimizzare l'uso di pesticidi sul terreno, ridurre al minimo le sostanze chimiche nocive nell'ambiente e rendere le colture sicure per il consumo.

Un grafico per mostrare i 4 obiettivi principali della strategia Farm to Fork.

Come annunciato nella strategia europea per i dati, la Commissione sosterrà la ricerca, lo sviluppo e la diffusione su larga scala di infrastrutture e servizi cloud di prossima generazione in tutta l'UE. Queste nuove capacità cloud e edge dovrebbero essere altamente sicure, completamente interoperabili e offrire piattaforme e servizi cloud aperti e multi-vendor. Essi consentiranno gli spazi di dati europei e promuoveranno ecosistemi innovativi per la condivisione dei dati basati su soluzioni cloud e edge europee.

Al fine di coordinare gli sforzi di investimento e mobilitare i principali attori industriali europei, le conclusioni del Consiglio europeo e la dichiarazione congiunta degli Stati membri sul cloud dell'ottobre 2020 hanno chiesto il lancio dell'Alleanza europea per i dati industriali, l'edge & cloud. L'alleanza potrebbe fungere da piattaforma unica delle parti interessate per pianificare gli investimenti dell'UE e promuovere partenariati strategici per rafforzare la posizione industriale dell'Europa nel mercato globale del cloud e dell'edge computing. L'alleanza dovrebbe sostenere l'integrazione di tali investimenti con quelli previsti per la diffusione di spazi di dati europei.

Se diversi Stati membri intendono proporre congiuntamente un possibile importante progetto di interesse comune europeo (IPCEI) incentrato sulle tecnologie di prossima generazione per le infrastrutture e i servizi cloud e edge, la Commissione li accompagnerà al fine di istituire tale progetto conformemente ai requisiti della comunicazione IPCEI del 2014, che potrebbe beneficiare dell'assegnazione di fondi del dispositivo per la ripresa e la resilienza e di un eventuale progetto multinazionale.

In che modo la strategia europea Cloud & Edge potrebbe avere un impatto sul settore agricolo?

Lo spazio comune europeo di dati agricoli dovrebbe impiegare pienamente le infrastrutture e i servizi europei cloud-to-edge finanziati nell'ambito del programma DIGITAL, una volta disponibili tali infrastrutture e servizi.

In che modo la strategia europea per i dati inciderà sul settore agricolo?

La strategia europea per i dati adottata nel febbraio 2020 mira a creare un mercato unico dei dati, garantendo la competitività globale dell'Europa. Ciò significa consentire la condivisione dei dati nonché norme pratiche, eque e chiare sull'uso e l'accesso dei dati. La pertinente comunicazione della Commissione ha annunciato la creazione di spazi di dati settoriali e di dominio specifici, tra cui uno spazio comune europeo di dati agricoli.

Un grafico per illustrare le fasi della strategia europea per i dati.

Nel novembre 2020 la Commissione ha proposto una legge sulla governance dei dati che prevede misure volte ad aumentare la fiducia nella condivisione dei dati tra imprese e imprese (B2B). Ciò crea norme dell'UE sulla neutralità per consentire ai nuovi intermediari dei dati di funzionare come organizzatori affidabili per la condivisione dei dati e comprende misure volte a facilitare il riutilizzo di alcuni dati detenuti dal settore pubblico.

Una fotografia della vicepresidente esecutiva Margarethe Vestager e del commissario europeo per il Mercato interno Thierry Breton in una conferenza stampa sulla governance europea dei dati.

Entro la metà del 2021, la Commissione europea proporrà un atto di esecuzione per rendere liberamente disponibili per il riutilizzo set di dati di alto valore del settore pubblico in un formato leggibile meccanicamente. Quindi, entro la fine del 2021, la Commissione proporrà una legge sui dati al fine di stimolare l'uso di dati privati da parte dei governi, affrontando le questioni relative all'accesso e all'uso dei dati nelle impostazioni B2B.

La collaborazione è fondamentale per il successo dell'Europa

Per raggiungere la vera eccellenza nella digitalizzazione dell'agricoltura, la collaborazione è fondamentale. La Commissione europea sta mostrando la strada attraverso una collaborazione efficace e stretta tra la DG CNECT (Direzione generale Reti di comunicazione, contenuti e tecnologie) e la DG AGRI (Direzione generale Agricoltura e sviluppo rurale), dando l'esempio a tutte le parti interessate da seguire.

Come è ampiamente accettato, siamo più forti quando lavoriamo insieme. La comunicazione tra agricoltori, produttori di macchine agricole, cooperative e fornitori di pesticidi deve essere facilitata, nonché per gli attori privati come i ministeri digitali e agricoli, e altri nel settore pubblico. Solo così potremo riuscire nella trasformazione digitale dell'agricoltura.

Contenuti correlati

Quadro generale

La digitalizzazione del settore agricolo europeo

La trasformazione digitale dell'agricoltura faciliterà la cooperazione lungo tutta la catena del valore, sosterrà gli agricoltori e offrirà opportunità per le PMI innovative.

Vedere anche

Esplora su questo sito