Skip to main content
Plasmare il futuro digitale dell'Europa

Identificazione elettronica

L'identificazione elettronica (eID) è uno degli strumenti per garantire un accesso sicuro ai servizi online e per effettuare transazioni elettroniche in modo più sicuro.

    le persone digitali in un mondo digitale

L'identificazione elettronica sicura è un aspetto essenziale della vita quotidiana nel mondo digitale. Viene utilizzato per controllare e-mail, acquistare online e persino sbloccare i telefoni. La pandemia di COVID-19 ha ulteriormente sottolineato l'importanza di questo aspetto, in quanto i governi e le imprese private hanno ridotto al minimo le interazioni fisiche.

L'identificazione elettronica può garantire l'identificazione inequivocabile di una persona e garantisce che il servizio giusto sia fornito alla persona che ne ha realmente diritto, ad esempio a fini bancari. Tuttavia, la mancanza di una base giuridica comune ha impedito agli Stati membri di riconoscere e accettare i sistemi di identificazione elettronica emessi in altri Stati membri. L'insufficiente interoperabilità transfrontaliera dei sistemi nazionali impedisce ai cittadini e alle imprese di beneficiare pienamente di un'UE digitale.

La Commissione ha definito una serie di obiettivi e tappe fondamentali per l'identificazione elettronica nella sua comunicazione 2030 Digital Compass: La via europea per il decennio digitale (.pdf). Ad esempio, entro il 2030 tutti i principali servizi pubblici dovrebbero essere disponibili online, tutti i cittadini avranno accesso alle cartelle cliniche elettroniche; e l'80 % dei cittadini dovrebbe utilizzare una soluzione di identificazione elettronica.

regolamento eIDAS

Il regolamento sull'identificazione elettronica, l'autenticazione e i servizi fiduciari (eIDAS) fornisce la base per l'identificazione elettronica transfrontaliera, l'autenticazione e la certificazione del sito web all'interno dell'UE.

Gli Stati membri dell'UE possono notificare e riconoscere, su base volontaria, i sistemi nazionali di identificazione elettronica nei rispettivi Stati membri. Il riconoscimento dell'identificazione elettronica notificata è diventato obbligatorio nel 2018. Già il 60 % degli europei può beneficiare dell'attuale sistema, ma l'utilizzo è basso, il loro utilizzo è ingombrante e i casi commerciali sono limitati.

Tuttavia, non vi è alcun obbligo per gli Stati membri di sviluppare un'identificazione elettronica nazionale e di renderla interoperabile con quelli di altri Stati membri. Ciò ha portato a discrepanze tra i paesi.

Regolamento europeo sull'identità digitale

La nuova proposta di regolamento sull'identità digitale affronterà le carenze dell'eIDAS migliorando l'efficacia del quadro ed estendendone i benefici al settore privato.

Gli Stati membri offriranno ai cittadini e alle imprese portafogli digitali in grado di collegare diversi aspetti delle loro identità digitali nazionali. Questi possono essere forniti dalle autorità pubbliche o dal settore privato, se riconosciuti dagli Stati membri.

I consumatori dovrebbero inoltre poter accedere ai servizi online senza dover utilizzare piattaforme private o condividere inutilmente dati personali. Avranno il pieno controllo dei dati che condividono.

Un'infografica che spiega come utilizzare eID per prenotare un volo — connettiti con eID e trasferisci facilmente i tuoi dati

L'identità digitale europea sarà:

  • messo a disposizione di chiunque voglia utilizzarlo:  Qualsiasi cittadino dell'UE, residente e impresa nell'UE che desideri avvalersi dell'identità digitale europea sarà in grado di farlo.
  • ampiamente usato: I portafogli europei di identità digitale saranno utilizzati come un modo per identificare gli utenti quando forniscono loro l'accesso a servizi digitali pubblici e privati in tutta l'UE.
  • controllato dagli utenti: I portafogli europei di identità digitale consentiranno alle persone di scegliere e tenere traccia della loro identità, dati e certificati che condividono con terzi. Tutto ciò che non è necessario per condividere non sarà condiviso.

La Raccomandazione

Per renderlo realtà quanto prima, la proposta di regolamento è accompagnata da una raccomandazione. La Commissione invita gli Stati membri a istituire un pacchetto di strumenti comuni entro settembre 2022 e ad avviare immediatamente i necessari lavori preparatori. Questo pacchetto di strumenti dovrebbe includere l'architettura tecnica, le norme e gli orientamenti per le migliori pratiche e consentire un'entrata in vigore agevole del regolamento una volta approvato dal Parlamento europeo e dal Consiglio.

Consulenza

La Commissione ha lanciato una piattaforma online per raccogliere i feedback delle parti interessate per plasmare i futuri portafogli europei di identità digitale.

Ultime notizie

Nuova legge sull'Europa interoperabile per fornire servizi pubblici più efficienti attraverso una migliore cooperazione tra le amministrazioni nazionali in materia di scambio di dati e soluzioni informatiche

La Commissione ha adottato la proposta di legge sull'Europa interoperabile e la relativa comunicazione per rafforzare l'interoperabilità e la cooperazione transfrontaliere nel settore pubblico in tutta l'UE.

Contenuti correlati

Quadro generale

Servizi e ambienti pubblici digitali

La Commissione si avvale delle tecnologie digitali per migliorare i servizi pubblici e sviluppare città intelligenti.

Vedere anche

Città e comunità intelligenti

La Commissione europea sta collaborando con città e comunità intelligenti per affrontare le sfide locali, fornire servizi migliori ai cittadini e raggiungere gli obiettivi del Green Deal europeo.

Servizi di fiducia

L'UE ha introdotto norme per rafforzare i servizi fiduciari e garantire la sicurezza della nostra attività online in tutta l'UE.

Firme elettroniche

La direttiva sulla firma elettronica ha istituito il quadro giuridico a livello europeo per le firme elettroniche e i servizi di certificazione.

sanità elettronica

La Commissione europea sta lavorando per fornire ai cittadini l'accesso a servizi digitali sicuri e di alta qualità nel campo della sanità e dell'assistenza.