Skip to main content
Plasmare il futuro digitale dell'Europa

Monitoraggio del pluralismo dei media nell'era digitale

Il Media Pluralism Monitor è uno strumento scientifico progettato per identificare potenziali rischi per il pluralismo dei media.

    Lente d'ingrandimento con occhio al centro su sfondo verde

L'Osservatorio del pluralismo dei media (MPM) è stato adattato e modernizzato per tenere conto del modo in cui gli sviluppi digitali hanno un impatto sul pluralismo dei media in tutta Europa. Il MPM fungerà da fonte chiave di informazioni per l'angolo della libertà dei media della prossima prima relazione annuale sullo Stato di diritto, prevista per la pubblicazione nel settembre 2020.

Il monitoraggio del pluralismo dei media

Il MPM valuta i rischi affrontati dal pluralismo dei media sulla base di una serie di 25 indicatori chiave in 4 diversi settori:

  1. protezione di base
  2. pluralità di mercato
  3. indipendenza politica
  4. inclusione sociale.

Gli indicatori affrontano questioni giuridiche, economiche e socio-politiche. Il servizio pubblico, i media commerciali e comunitari sono tutti coperti dal monitor,

L'MPM è uno strumento diagnostico progettato per fornire un'ampia comprensione dei rischi per il pluralismo dei media in uno Stato membro. Le valutazioni sono effettuate in modo indipendente e trasparente in consultazione con gli esperti dei media di ciascun paese.

L'MPM riconosce che diverse politiche e approcci normativi possono applicarsi a diversi tipi di media, sia per la trasmissione, la stampa o i media digitali. Dopo il suo aggiornamento nel 2018, esamina anche l'impatto delle piattaforme digitali. 

Monitoraggio del pluralismo dei media nell'era digitale — MPM2021

Nel 2019 il Parlamento europeo ha stanziato un bilancio di 1.000.000 di EUR destinato a perfezionare l'MPM2020 e a garantirne la continua attuazione.  La Commissione europea ha concesso una sovvenzione al Centro per il pluralismo dei media e la libertà dei media (CMPF) presso l'Istituto universitario europeo. La nuova sovvenzione è iniziata il 1º marzo 2020.

Monitoraggio del pluralismo dei media nell'era digitale — MPM2020

Nel 2018 il Parlamento europeo ha stanziato un bilancio di 750,000 EUR. Questo bilancio è stato destinato ad adeguare l'MPM all'ambiente digitale e a garantirne l'attuazione.  A tal fine, la Commissione europea ha concesso una sovvenzione al Centro per il pluralismo dei media e la libertà dei media (CMPF) presso l'Istituto universitario europeo.

Nel 2019, il CMPF ha condotto uno studio sugli indicatori necessari per valutare i rischi per il pluralismo delle informazioni nell'era digitale. In seguito l'ha attuata nel MPM2020 in tutti gli Stati membri dell'UE e in due paesi candidati, per gli anni 2018 e 2019. Accedere ai risultati di MPM2020.

Lo sfondo

Lo studio originale

Il Media Pluralism Monitor nasce da uno studio iniziale del 2009 condotto da un gruppo di 3 istituti accademici: ICRI, Katholieke Universiteit LeuvenCMC (Università dell'Europa centrale) e MMTC (Jönköping International Business School) — in collaborazione con Ernst & Young Belgium. Lo studio ha sviluppato uno strumento di monitoraggio per valutare i rischi per il pluralismo dei media negli Stati membri dell'UE sulla base di una serie stabile di indicatori.

Semplificazione e test MPM — fase 1

  • Nel 2013 il Parlamento europeo ha stanziato un bilancio di 500 000 EUR per la semplificazione e l'attuazione pilota del MPM;
  • La Commissione europea ha successivamente concesso una sovvenzione al Centro per il pluralismo dei media e la libertà dei media (CMPF) presso l'Istituto universitario europeo per l'attuazione del progetto pilota;
  • Il primo anno di questa azione è stato suddiviso in due flussi, uno incentrato sulla semplificazione, uno sui test su 9 Stati membri (Belgio, Bulgaria, Danimarca, Estonia, Francia, Grecia, Ungheria, Italia e Regno Unito);
  • Il CMPF ha selezionato questi 9 paesi sulla base di:
    • tipologia dei media e dei sistemi politici;
    • criteri geografici;
    • dimensioni del mercato dei media (compresa la popolazione e il territorio);
    • valutazioni politiche esistenti del livello di libertà e pluralismo dei media.
  • La relazione finale della prima fase è stata pubblicata nel gennaio 2015.

Semplificazione e test MPM — fase 2

  • Nel 2014 il Parlamento europeo ha stanziato un altro bilancio di 500 000 EUR per il proseguimento dei test in modo complementare a quello precedente.
  • Durante questa seconda fase del progetto, a partire da novembre 2014, il CMPF ha valutato la fattibilità e la pertinenza degli indicatori. Li ha testati nei 19 paesi dell'UE che non sono stati coperti durante la prima fase pilota (Austria, Croazia, Cipro, Repubblica ceca, Finlandia, Germania, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna e Svezia).
  • I risultati sono disponibili.

MPM — fase 3

Nel 2016 è stata concessa una sovvenzione di 500 000 EUR per continuare la valutazione dei rischi per il pluralismo dei media. È stato assegnato nell'ambito di un'azione preparatoria sostenuta dal Parlamento europeo. 

Durante questa terza fase, condotta anche dal CMPF, i ricercatori del progetto hanno valutato i rischi in tutti gli Stati membri dell'UE e in due paesi candidati: Türkiye e Montenegro. I risultati di questo round sono disponibili.

MPM — fase 4

Il Centro per il pluralismo dei media e la libertà dei media (CMPF) presso l'Istituto universitario europeo ha implementato il Media Pluralism Monitor (MPM) in tutti gli Stati membri dell'UE nel 2017, così come in Serbia e in quello che era allora FYROM (oggi Macedonia del Nord).

A tal fine è stato assegnato un bilancio di 350 000 EUR per un'azione preparatoria sostenuta dal Parlamento europeo. I risultati dell'esercizio 2017 sono stati pubblicati nel 2018.

Ultime notizie

COMUNICATO STAMPA |
La Commissione sostiene 8 progetti per i media con 12 milioni di euro

La Commissione ha annunciato i risultati del terzo invito a presentare partenariati per il giornalismo, con otto consorzi di organizzazioni giornalistiche che hanno ricevuto un totale di quasi 12 milioni di EUR per sostenere la resilienza del settore dei media.

Contenuti correlati

Quadro generale

Libertà e pluralismo dei media

L'Unione europea sostiene la libertà e il pluralismo dei media quali pilastri della democrazia moderna e facilitatori di un dibattito libero e aperto.

Per ulteriori approfondimenti

Vedere anche

Azioni multimediali

Le azioni multimediali dell'UE mirano a rafforzare la comunicazione di notizie sugli affari dell'UE dal punto di vista europeo.

Alfabetizzazione mediatica

L'alfabetizzazione mediatica non è mai stata così importante come lo è oggi. Consente ai cittadini di tutte le età di navigare nell'ambiente delle notizie moderne e prendere decisioni informate.

Lotta alla disinformazione online

La Commissione sta affrontando la diffusione della disinformazione e della disinformazione online per garantire la protezione dei valori e dei sistemi democratici europei.