Skip to main content
Plasmare il futuro digitale dell'Europa

Libertà e pluralismo dei media

L'Unione europea sostiene la libertà e il pluralismo dei media quali pilastri della democrazia moderna e facilitatori di un dibattito libero e aperto.

La libertà e il pluralismo dei media garantiscono il flusso di informazioni e svolgono un ruolo chiave nel far sì che il potere risponda del proprio operato. La Commissione ha intensificato il suo lavoro in questo settore, ponendo la libertà dei media al centro delle sue relazioni sullo Stato di diritto e continuando a finanziare una serie di progetti che producono risultati tangibili. La Commissione ha inoltre pianificato iniziative chiave per migliorare il lavoro e la sicurezza dei giornalisti e ha adottato un piano d'azione volto a promuovere un ecosistema mediatico sostenibile.

L'impegno dell'Unione europea a rispettare la libertà e il pluralismo dei media e a difendere la libertà di espressione, che comprende il diritto di ricevere e comunicare informazioni senza ingerenze da parte delle autorità pubbliche, è sancito dall'articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell'UE (.pdf), che rispecchia l'articolo 10 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

Legislazione e Stato di diritto

La legge europea per la libertà dei media (EMFA), entrata in vigore nel maggio 2024, si basa sulladirettiva rivedutasui servizi di media audiovisivi.  Proposta per la prima volta nelsettembre 2022, l'EMFA mira a rafforzare l'integrità del mercato interno e quindi a proteggere il pluralismo e l'indipendenza dei media nell'Unione. Durantel'elaborazione della legge europea per la libertà dei media si sono tenuti un invito a presentare contributi e unaconsultazione pubblica aperta. L'EMFA:

  • tutelare l'indipendenza editoriale imponendo agli Stati membri di rispettare l'effettiva libertà editoriale dei fornitori di servizi di media;
  • Proteggere le fonti giornalistiche, anche contro l'uso di spyware.
  • garantire il funzionamento indipendente dei media di servizio pubblico, anche garantendo risorse finanziarie adeguate, sostenibili e prevedibili e promuovendo la trasparenza nella nomina del capo o dei membri dei consigli di gestione dei media di servizio pubblico;
  • Garantire la trasparenza della proprietà dei media attraverso la divulgazione da parte dei fornitori di servizi di media di informazioni specifiche su se stessi (ad esempio nomi legali, dettagli di contatto, proprietà);
  • fornire garanzie contro la rimozione ingiustificata da parte delle piattaforme online di dimensioni molto grandi (designatea norma della legge sui servizi digitali) di contenuti mediatici prodotti secondo standard professionali ma ritenuti incompatibili con i termini e le condizioni;
  • introdurre un diritto di personalizzazione dell'offerta multimediale su dispositivi e interfacce, come i televisori connessi, che consenta agli utenti di modificare le impostazioni predefinite per riflettere le proprie preferenze;
  • garantire che gli Stati membri forniscano una valutazione dell'impatto delle principali concentrazioni del mercato dei media sul pluralismo dei media e sull'indipendenza editoriale attraverso test sul pluralismo dei media;
  • garantire maggiore trasparenza nella misurazione dell'audience per i fornitori di servizi di media e gli inserzionisti, al fine di limitare il rischio di dati sull'audience gonfiati o distorti;
  • stabilire requisiti di trasparenza per l'assegnazione della pubblicità statale ai fornitori di servizi di media e alle piattaforme online da parte delle autorità e degli enti pubblici;
  • Intensificare ed estendere la cooperazione e il coordinamento tra le autorità di regolamentazione dei media, anche per quanto riguarda le misure riguardanti i servizi di media al di fuori dell'Unione.

Nell'aprile 2022 la Commissione ha pubblicato una proposta di direttiva relativa alle azioni legali strategiche tese a bloccare la partecipazione pubblica (SLAPP). Le azioni legali strategiche tese a bloccare la partecipazione pubblica, comunemente note come "SLAPP", sono una particolare forma di molestia utilizzata principalmente contro giornalisti e difensori dei diritti umani per prevenire o penalizzare il parlare su questioni di interesse pubblico. La direttiva proposta fornisce agli organi giurisdizionali e agli obiettivi delle SLAPP gli strumenti per contrastare i procedimenti giudiziari manifestamente infondati o abusivi. Le garanzie proposte si applicheranno in materia civile con implicazioni transfrontaliere.

La Commissione ha adottato un piano d'azione per la democrazia europea. Lavorerà a stretto contatto con gli Stati membri e le parti interessate per migliorare la sicurezza dei giornalisti. Fornirà finanziamenti sostenibili per progetti incentrati sull'assistenza giuridica e pratica ai giornalisti nell'UE e altrove. Nel marzo 2021 è stato avviato un dialogo con i portatori di interessi nell'ambito del Forum europeo dei mezzi di informazione, in cui le parti interessate hanno potuto fornire un riscontro sulla raccomandazione sulla protezione, la sicurezza e l'emancipazione dei giornalisti e degli altri operatori dei media adottata nel settembre 2021. Il piano prevede inoltre la promozione di un'assegnazione trasparente ed equa della pubblicità statale, la promozione della diversità dei media e lo sviluppo di un approccio europeo all'importanza dei servizi di media audiovisivi di interesse generale. È stato pubblicato un bando di gara per uno studio al riguardo.

Il meccanismo per lo Stato di diritto dedica una sezione chiave alla libertà e al pluralismo dei media, che esamina le autorità e gli organismi di regolamentazione dei media, la trasparenza della proprietà dei media e le ingerenze del governo e il quadro per la protezione dei giornalisti. La prima relazione sullo Stato di diritto, riguardante tutti i 27 Stati membri, è stata pubblicata il 30 settembre 2020. Presenta una sintesi della situazione dello Stato di diritto nell'UE e una valutazione della situazione in ciascuno Stato membro, concentrandosi su quattro pilastri principali: il sistema giudiziario, il quadro anticorruzione, il pluralismo dei media e altri sistemi istituzionali di bilanciamento dei poteri. 

Il grande potere detenuto dalle più grandi piattaforme online giustifica la considerazione di specifiche norme ex ante per salvaguardare la concorrenza e la scelta dei consumatori online. La legge sui servizi digitali migliora in modo significativo i meccanismi per la rimozione dei contenuti illegali e l'efficace protezione dei diritti fondamentali degli utenti online, compresa la libertà di parola.

La direttiva riveduta sui servizi di media audiovisivi rafforza le garanzie giuridiche in diversi settori contemplati dall'Osservatorio del pluralismo dei media, in particolare la moderazione dei contenuti online, l'indipendenza delle autorità di regolamentazione dei media, la trasparenza della proprietà dei media e l'alfabetizzazione mediatica. La Commissione segue da vicino il processo di recepimento.

Il legislatore dell’Unione ha adottato norme per un mercato più equo con l’articolo 17 della nuova direttiva sul diritto d’autore. Tali norme mirano ad aiutare i titolari dei diritti a trovarsi in una posizione migliore per quanto riguarda determinate piattaforme di condivisione online. Garantiscono che i titolari dei diritti ricevano una remunerazione più equa per l'utilizzo dei loro contenuti. Per quanto riguarda il nuovo diritto per gli editori di giornali (articolo 15 della nuova direttiva sul diritto d'autore), ciò promuoverà un giornalismo plurale, indipendente e di qualità attraverso una migliore posizione negoziale degli editori di giornali nei confronti degli operatori del mercato online.

Finanziamento diretto

L'UE finanzia numerosi progetti:

  • Diversi progetti e inviti a presentare proposte, in corso o in fase di preparazione, volti a:
    • mappare le violazioni della libertà dei media;
    • difendere i giornalisti minacciati;
    • monitorare i rischi per il pluralismo dei media;
    • sostenere il giornalismo collaborativo, la cooperazione e lo scambio delle migliori pratiche.
  • Progetti gestiti dal Centro europeo per la libertà di stampa e dei media (ECPMF) e dai suoi partner volti ad affrontare le violazioni della libertà e del pluralismo dei media negli Stati membri dell'UE e nei paesi candidati.
  • Sovvenzioni al Centro per il pluralismo e la libertà dei media (CMPF) per lo sviluppo e l ' attuazione dell ' Osservatoriodel pluralismo dei media(MPM), che fornisce una panoramica completa dei rischi per la libertà e il pluralismo dei media in Europa, esaminando 4 settori principali:
    1. protezione di base
    2. pluralità del mercato
    3. indipendenza politica
    4. inclusione sociale
  • il progetto pilota di monitoraggio della proprietà dei media, che migliorerà la trasparenza della proprietà dei media.
  • Il programma Europa creativa per il periodo 2021-2027, il cui bilancio previsto sarà di circa 2,5 miliardi di EUR, con un aumento dell'80 % rispetto al periodo precedente (2014-2020) su base UE-27. Promuoverà la cooperazione europea in materia di diversità culturale e competitività industriale per i settori culturali e creativi. È stato pubblicato un invito a promuovere partenariati giornalistici volti a promuovere la collaborazione settoriale e transfrontaliera tra i professionisti dei mezzi di informazione in Europa. Per aumentare i finanziamenti e garantire un sostegno a lungo termine ai progetti per la libertà, il pluralismo e l'alfabetizzazione dei media, il programma ha stanziato una dotazione specifica di almeno 75 milioni di EUR.

Misure di sostegno

Dall'inizio della pandemia di COVID-19 la Commissione ha presentato una serie di misure a sostegno dell'economia e ha invitato gli Stati membri a sfruttarle al meglio per sostenere il settore dei media.

  • È stato rapidamente istituito ed esteso un quadro temporaneo per gli aiuti di Stato. È stato inoltre pubblicato un apposito modello guida in materia di aiuti di Stato per la digitalizzazione dei mezzi di informazione al fine di assistere gli Stati membri nell'elaborazione dei rispettivi piani nazionali per la ripresa e la resilienza.
  • Il sostegno finanziario di REACT-EU concentra ulteriori fondi di coesione sulle priorità vitali delle piccole e medie imprese (PMI) o sulle PMI creative nel settore culturale riconosciute come prioritarie. Tali fondi comprendono sovvenzioni all'occupazione, regimi di lavoro a breve termine e liquidità e solvibilità per le PMI.  
  • Il sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza (SURE) è uno strumento a disposizione degli Stati membri per contrastare le conseguenze economiche e sociali negative della pandemia di COVID-19.
  • Gli strumenti esistenti sono stati adattati, compresa una maggiore flessibilità nell'attuazione dei progetti sostenuti. Ad esempio, l'attuale strumento di garanzia per le PMI nei settori culturali e creativi, compresi i media, consente una maggiore flessibilità nei rimborsi dei prestiti e facilita i prestiti fornendo maggiore sicurezza agli istituti finanziari.
  • La Commissione ha adottato un piano d'azione per sostenere la ripresa e la trasformazione del settore dei media e degli audiovisivi. Questi settori, particolarmente colpiti dalla crisi del coronavirus, sono essenziali per la democrazia, la diversità culturale e l'autonomia digitale dell'Europa. Il piano d'azione si concentra su 3 settori di attività e 10 azioni concrete. che aiuteranno il settore dei media a riprendersi dalla crisi agevolando e ampliando l'accesso ai finanziamenti. Aiuteranno inoltre il settore dei media a trasformarsi stimolando gli investimenti per abbracciare la duplice transizione digitale e verde, garantendo nel contempo la futura resilienza del settore. Infine, responsabilizzeranno i cittadini e le imprese europei.

Cronologia dell'EMFA

calendario per l'adozione della proposta nel 2022 ai fini della piena esecutività entro maggio 2027

Ultime notizie

COMUNICATO STAMPA |
La Commissione sostiene 8 progetti per i media con 12 milioni di euro

La Commissione ha annunciato i risultati del terzo invito a presentare partenariati per il giornalismo, con otto consorzi di organizzazioni giornalistiche che hanno ricevuto un totale di quasi 12 milioni di EUR per sostenere la resilienza del settore dei media.

Contenuti correlati

Quadro generale

Media e cultura digitale

La Commissione difende i media europei e la cultura digitale con politiche che responsabilizzano i cittadini e incoraggiano il pluralismo dei media.

Per ulteriori approfondimenti

Azioni multimediali

Le azioni multimediali dell'UE mirano a rafforzare la comunicazione di notizie sugli affari dell'UE dal punto di vista europeo.

Alfabetizzazione mediatica

L'alfabetizzazione mediatica non è mai stata così importante come lo è oggi. Consente ai cittadini di tutte le età di navigare nell'ambiente delle notizie moderne e prendere decisioni informate.

Lotta alla disinformazione online

La Commissione sta affrontando la diffusione della disinformazione e della disinformazione online per garantire la protezione dei valori e dei sistemi democratici europei.

Vedere anche

Mondi virtuali adatti alle persone

I mondi virtuali, noti anche come metaversi, forniranno opportunità e sfide. La Commissione garantirà che riflettano i valori e i diritti fondamentali dell'UE e promuova l'innovazione per le imprese.

Servizi audiovisivi e mediatici

In questi giorni possiamo guardare i nostri programmi preferiti non solo in TV, ma anche online. Questi spettacoli sono soggetti alle regole del mercato unico.

Sostenere i media e la cultura digitale

La Commissione sta promuovendo un approccio coerente alle politiche dei media, che comprenda la legislazione sui servizi di media e la conservazione del patrimonio culturale europeo.

Patrimonio culturale digitale

Il patrimonio culturale si sta evolvendo rapidamente grazie alle tecnologie digitali. Lo slancio è ora quello di preservare il nostro patrimonio culturale e portarlo a questo decennio digitale.

Diritto d'autore

La Commissione europea sta adattando le norme UE sul diritto d'autore ai nuovi comportamenti dei consumatori in un'Europa che valorizza la sua diversità culturale.