Skip to main content
Plasmare il futuro digitale dell'Europa

112: Numero di emergenza dell'UE

Hai bisogno di aiuto? Il 112 è il tuo numero salvavita! Il 112 è il numero di telefono di emergenza europeo, disponibile gratuitamente in tutta l'UE.

    112 posizione basata sulla rete. La posizione precisa del chiamante salva vite. L'UE rende obbligatorie le posizioni esatte a partire dal dicembre 2020, grazie al codice delle comunicazioni elettroniche dell'UE

© European Commission

112 posizione basata sulla rete. La posizione precisa del chiamante salva vite.

Come funziona?

  • Puoi chiamare il 112 da telefoni fissi e cellulari per contattare qualsiasi servizio di emergenza: Un'ambulanza, i vigili del fuoco o la polizia.
  • Un operatore appositamente addestrato risponderà a qualsiasi chiamata al 112. L'operatore si occuperà direttamente della richiesta o trasferirà la chiamata al servizio di emergenza più appropriato a seconda dell'organizzazione nazionale dei servizi di emergenza.
  • Gli operatori di molti paesi possono rispondere alle chiamate non solo nella loro lingua nazionale, ma anche in inglese o francese. Se il chiamante non sa dove si trova, l'operatore identificherà dove si trova la persona che effettua la chiamata e la trasmetterà alle autorità di emergenza in modo che possano aiutare immediatamente.
  • Il 112 è utilizzato anche in alcuni paesi al di fuori dell'UE — come la Svizzera e il Sudafrica — ed è disponibile in tutto il mondo sulle reti mobili GSM.

Ricordati di

  • 112 funzioni accanto ai numeri di emergenza nazionali esistenti. Danimarca, Estonia, Finlandia, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Romania e Svezia hanno optato per il 112 come unico numero nazionale di emergenza.
  • 112 operatori rispondono solo alle emergenze reali. Non forniscono rapporti di traffico e meteo, informazioni generali o risposte alle domande.
  • Le chiamate al 112 sono uno spreco di tempo e denaro degli operatori di emergenza e possono anche essere pericolosi e un reato nella maggior parte dei paesi.

eCall

Le auto nuove sono dotate della tecnologia eCall, che compone automaticamente il 112 in caso di grave incidente stradale e comunica la posizione del veicolo ai servizi di emergenza.

Norme dell'UE sul 112

112 è diventato il numero unico europeo di emergenza nel 1991. Il codice europeo delle comunicazioni elettroniche garantisce che gli europei possano chiamare il numero di emergenza europeo 112 ovunque si trovino in Europa, garantendo:

  • I cittadini europei ottengono un migliore accesso al 112 attraverso le nuove tecnologie
  • gli operatori forniscono informazioni sulla localizzazione del chiamante alle autorità di emergenza
  • migliore accesso al 112 per le persone con disabilità

Il regolamento sul roaming obbliga i fornitori di servizi di roaming a inviare un SMS alle persone che si recano in un altro paese dell'UE con informazioni sul numero di emergenza europeo 112.

La Commissione europea pubblica relazioni periodiche sull'attuazione del numero di emergenza europeo nei paesi dell'UE e, a partire dal 2020, la Commissione presenta la relazione al Parlamento europeo e al Consiglio ogni due anni.

112 giorni: sensibilizzare al numero unico di emergenza dell'UE

L'11 febbraio è la Giornata europea del 112. In questa giornata, in tutta l'UE sono organizzate diverse attività di sensibilizzazione e messa in rete al fine di promuovere l'esistenza e l'uso del numero unico di emergenza europeo.

La Commissione adotta un regolamento delegato

La Commissione ha adottato un regolamento delegato per migliorare le comunicazioni di emergenza a sostegno di risposte efficienti e rapide alle emergenze tramite 112. Il regolamento delegato si basa e integra tali obblighi per gli Stati membri, con l'obiettivo di garantire comunicazioni di emergenza efficaci nel contesto della migrazione tecnologica. Pertanto, il regolamento delegato:

  • Definisce le comunicazioni di emergenza efficaci come la comunicazione tempestiva tra la persona che cerca aiuto in caso di emergenza e il punto di risposta di pubblica sicurezza più appropriato, nonché la fornitura di informazioni trasmesse dalla persona o derivate automaticamente dal dispositivo o dalla rete, che è definita come informazioni contestuali.
  • Definisce i parametri in base ai quali le autorità nazionali devono definire i criteri per informazioni precise e affidabili sull'ubicazione del chiamante. I criteri dovrebbero garantire che la localizzazione del chiamante sia sufficientemente precisa da consentire ai servizi di emergenza di intervenire efficacemente.
  • Stabilisce i requisiti per garantire una comprensione comune dell' accesso equivalente per gli utenti con disabilità. Le comunicazioni di emergenza per le persone con disabilità (soluzioni alternative alle chiamate, ad esempio testo totale in tempo reale, SMS, ecc.) dovrebbero essere efficaci nell'accesso ai servizi di emergenza come le chiamate vocali di emergenza.
  • Sancisce l'obbligo di indirizzare senza indugio le chiamate di emergenza e le comunicazioni al PSAP più appropriato e tecnicamente abilitato. Il regolamento delegato stabilisce inoltre l'obbligo per gli Stati membri di preparare e informare la Commissione in merito alla loro tabella di marcia per aggiornare il sistema nazionale PSAP a tutte le comunicazioni IP. I sistemi PSAP dovrebbero essere pronti per l'implementazione di comunicazioni di emergenza vocali, testuali o video-based, che sono fondamentali per soluzioni alternative di comunicazione di emergenza per le persone con disabilità
  • Il regolamento invita inoltre gli Stati membri a cooperare con la Commissione per individuare requisiti comuni di interoperabilità per le app di comunicazione di emergenza. In questo modo, la comunicazione di emergenza tramite app sarebbe indirizzata al PSAP più appropriato. Le app possono consentire comunicazioni di emergenza salvavita e fornire informazioni contestuali cruciali

Gli Stati membri sono tenuti a riferire alla Commissione e a fornire aggiornamenti sugli obblighi stabiliti dal regolamento delegato. Il regolamento delegato è vincolante e direttamente applicabile in tutti gli Stati membri.

Ultime notizie

ARTICOLO |
PCP sulla sicurezza pubblica e i soccorsi in caso di catastrofi: proroga del termine e adeguamento del campo di applicazione

Il gruppo di acquirenti BROADGNSS (FR, FI, EE) invita gli offerenti potenzialmente interessati a presentare offerte per i loro appalti pre-commerciali al fine di migliorare i servizi offerti ai cittadini europei dall'organizzazione per la sicurezza pubblica e i soccorsi in caso di catastrofi. Il bando di gara è stato semplificato per attirare un maggior numero di fornitori a partecipare. Termine per la presentazione delle offerte: proroga al 1º settembre 2022

Contenuti correlati

Quadro generale

Connettività

L'obiettivo dell'UE è che l'Europa sia il continente più connesso entro il 2030.

Vedere anche

Accesso a Internet

Le norme dell'UE sanciscono il principio dell'accesso aperto a Internet: il traffico Internet è trattato senza discriminazioni, blocco, limitazione o priorità.

ICT e standardizzazione

Le specifiche TIC garantiscono che i prodotti possano connettersi e interagire tra loro, stimolando l'innovazione e mantenendo i mercati delle TIC aperti e competitivi.

Codice UE delle comunicazioni elettroniche

La politica dell'UE in materia di comunicazioni elettroniche migliora la concorrenza, promuove l'innovazione e rafforza i diritti dei consumatori all'interno del mercato unico europeo.

Spettro radio: la base delle comunicazioni senza fili

Le comunicazioni senza fili, tramite reti pubbliche o private, utilizzano lo spettro radio, vale a dire una gamma di onde radio, per trasportare informazioni. Tale comunicazione può essere tra persone, persone e macchine o sistemi ("cose" più generali) o tra le cose. In questo...

5G

Il 5G è la tecnologia di rete di nuova generazione che consentirà l'innovazione e sosterrà la trasformazione digitale.

Banda larga satellitare

La banda larga satellitare è disponibile per fornire una connessione Internet veloce in tutti i paesi dell'UE.