Skip to main content
Plasmare il futuro digitale dell'Europa

Banda larga in Croazia

Il piano nazionale croato per lo sviluppo della banda larga 2021-2027 risponde agli obiettivi della società europea dei Gigabit per il 2025 e in parte agli obiettivi digitali per il 2030.

    bandiera della Croazia

Sintesi dello sviluppo della banda larga in Croazia

Il piano nazionale per lo sviluppo della banda larga 2021-2027 mira a fornire velocità di download di almeno 100 Mbps a tutte le famiglie con la possibilità di aggiornare a 1 Gbps e 1 Gbps per gli uffici governativi e gli edifici pubblici come scuole e strutture sanitarie. Le reti 5G coprono tutte le principali città e città e le principali autostrade.

Strategia e politica nazionale in materia di banda larga

Autorità responsabili

  • Il Ministero del Mare, dei Trasporti e delle Infrastrutture (Ministarstvo mora, prometa i infrastrukture) è l'organo amministrativo statale centrale con competenze e responsabilità per i compiti amministrativi nel settore delle comunicazioni elettroniche, compresa la politica e la strategia in materia di banda larga. Attraverso la Direzione del traffico aereo, delle comunicazioni elettroniche e dei servizi postali, essa è incaricata di elaborare proposte di strategie, studi, orientamenti, programmi e piani di attuazione. Esso stabilisce i principi e gli obiettivi generali della politica per lo sviluppo delle reti e dei servizi di comunicazione elettronica, comprese le infrastrutture a banda larga.
  • Il Ministero dello sviluppo regionale e dei fondi dell'UE (Ministarstvo regionalnoga razvoja i fondova Europske unije) gestisce due programmi nazionali di NGN finanziati dall'UE, il programma quadro nazionale per lo sviluppo delle infrastrutture di accesso a banda larga e il programma nazionale per lo sviluppo delle infrastrutture a banda larga Backhaul.
  • L'Autorità di regolamentazione croata per le industrie di rete HAKOM (Hrvatska regulatorna agencija za mrežne djelatnosti) assicura la concorrenza sul mercato, la crescita stabile e l'ambiente per le innovazioni nel mercato delle comunicazioni elettroniche e dei servizi postali.

Obiettivi principali per lo sviluppo della banda larga

Il governo della Repubblica di Croazia ha adottato il piano nazionale per lo sviluppo della banda larga 2021-2027 nel marzo 2021. Il piano risponde agli obiettivi della Società europea dei Gigabit 2025, in parte agli obiettivi digitali 2030 e al piano d'azione 5G per l'Europa. Il piano croato mira a fornire connettività con velocità di download di almeno 100 Mbps a tutte le famiglie, fornendo al contempo uffici governativi ed edifici pubblici come scuole e strutture sanitarie con connessioni simmetriche di almeno 1 Gbps. Cerca anche reti 5G in tutte le principali città e paesi e lungo le principali autostrade.

Principali misure per lo sviluppo della banda larga

Mappatura a banda larga: HAKOM ha sviluppato e aggiornato uno strumento di mappatura centrale, il portale interattivo GIS, che fornisce informazioni sulla disponibilità di accesso a banda larga, un piano consolidato di infrastrutture di comunicazione mobile e pubblicazioni di intenti per l'implementazione e la velocità di banda.

Strumenti finanziari nazionali a banda larga

Il programma quadro nazionale per lo sviluppo di infrastrutture di backhaul a banda larga nelle zone prive di sufficiente interesse commerciale per gli investimenti (ONP) è un regime nazionale di aiuti di Stato a banda larga (ombrello). Oltre alle norme generali in materia di aiuti di Stato, l'ONP introduce anche orientamenti per i comuni locali per l'attuazione di singoli progetti all'interno dell'ONP. Il finanziamento totale (massimo) stimato a livello nazionale per il programma quadro ammonta a 257,9 milioni di euro, di cui 123,1 milioni di EUR a titolo del FESR e i restanti 134,8 milioni di EUR coperti dal prestito BEI. Entrambe le fonti di finanziamento (prestiti FESR e BEI) rappresentano sovvenzioni per le autorità pubbliche a livello locale e regionale (città, comuni e contee). Si prevede che il contributo dei fondi privati al cofinanziamento delle reti a banda larga NGA durante l'attuazione del programma ammonterà a 120 milioni di EUR. Il bilancio medio annuale del programma per il periodo 2016-2023 ammonta a 31,5 milioni di EUR. L'autorità di regolamentazione croata per le industrie di rete (HAKOM) è stata definita titolare dell'ONP.

Il programma nazionale per le infrastrutture di backhaul a banda larga (NP-BBI) copre misure di aiuto di Stato per la parte di backhaul della rete NGN nelle aree bianche e mira a sviluppare il backhaul nazionale a banda larga NGN, come segmento di rete che interconnette le reti NGA e le reti centrali nazionali. Il programma è stato approvato dalla Commissione europea e sarà realizzato attraverso un modello di investimento pubblico. L'infrastruttura in fibra passiva sarà progettata e costruita e mantenuta in proprietà pubblica permanente. Dopo la costruzione dell'infrastruttura, sarà offerta agli operatori sul mercato a parità di condizioni. Sulla base dei risultati delle consultazioni pubbliche, il programma mira a coprire almeno 540 insediamenti, inizialmente prioritari e definiti come insediamenti mirati (almeno il 25 % della popolazione), situati nelle aree suburbane e rurali della Croazia. Il bilancio complessivo stimato (massimo) della misura è pari a 101,4 milioni di EUR, di cui 86,2 milioni (85 %) saranno finanziati dal FESR e i restanti 15,2 milioni di EUR (15 %) dai fondi nazionali. Il bilancio annuale del regime ammonta a 14,5 milioni di EUR per il periodo 2017-2023.

Nell'ambito del nuovo accordo di partenariato e del nuovo programma operativo "Competitività e coesione", sono proposte due attività per il periodo 2021-2027:

  • Sistema infrastrutturale a banda larga di prossima generazione: La costruzione di un'infrastruttura di "backhaul" a banda larga di prossima generazione, insieme alle connessioni agli utenti finali, supporterà velocità di accesso di 100 megabit al secondo (Mbps). Il regime copre 540 insediamenti prioritari che hanno ciascuno più di 1.000 abitanti, più circa 5.800 insediamenti più piccoli. Tutti i luoghi coperti dall'investimento sono demografici, sociali ed economici al di sotto della media nazionale. Saranno installati circa 5,650 km di fibra. Ove possibile, saranno utilizzati condotti esistenti, anche se si stima che saranno necessari nuovi condotti per circa il 45 % (circa 2,450 km) della fibra utilizzata. Lo schema è suddiviso in due unità: uno riguarda la costruzione dell'infrastruttura di backhaul di rete di prossima generazione; L'altro riguarda il collegamento delle pubbliche amministrazioni all'infrastruttura in fibra. L'investimento totale per il regime ammonta a 129,1 milioni di EUR, con il Fondo europeo di sviluppo regionale dell'UE che contribuisce 86,2 milioni di EUR attraverso il programma operativo "Competitività e coesione" per il periodo di programmazione 2014-2020. L'investimento rientra nella priorità "Uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione". La Croazia contribuisce con 42,5 milioni di euro.
  • Investimenti nella realizzazione di reti ad altissima capacità nelle zone NGA bianche e grigie NGA agli utenti finali conformemente al programma di sostegno della connettività digitale, con un contributo della Croazia di 57,5 milioni di EUR.

Il piano croato per la ripresa e la resilienza comprende misure di connettività volte a rafforzare la connettività come pietra angolare della transizione digitale della società e dell'economia. Per un valore di circa 106 milioni di EUR, mirano a fornire servizi di connettività VHCN in linea con gli obiettivi della società Gigabit dell'UE per il 2025:

  • Servizi da 100 Mbps a 100.000 famiglie croate (700.000 abitanti) in 20 progetti in altrettante unità governative locali, per superare in particolare la barriera alla connettività al telelavoro e all'apprendimento a distanza, in particolare nelle zone rurali e tra i gruppi vulnerabili come gli studenti provenienti da famiglie svantaggiate o quelli con disabilità,
  • Servizi Gbit a tutti i principali fattori socioeconomici quali scuole, università, centri di ricerca, centri di trasporto, ospedali, autorità amministrative pubbliche e imprese.

Altri investimenti del dispositivo per la ripresa e la resilienza, pari a circa 20 milioni di EUR, saranno destinati a: i) costruire un'infrastruttura di comunicazione elettronica passiva per fornire accesso ai servizi VHCN e 5G nelle zone rurali e scarsamente popolate in cui non esistono le condizioni del mercato per attrarre investimenti privati"; e ii) copertura 5G nelle aree urbane e nelle principali vie di trasporto terrestri (5G corridoi). Circa il 55 % delle famiglie oggetto di queste misure si trova nelle zone rurali, il 26 % nelle aree suburbane e solo il 19 % nelle aree urbane. Circa 400 000 EUR saranno investiti in attività di riforma per la riduzione degli ostacoli e orientamenti per la costruzione e il rilascio delle autorizzazioni, nonché procedure di armonizzazione.

Nella sua tabella di marcia per l'attuazione del pacchetto di strumenti per la connettività, la Croazia ha annunciato piani per affrontare i principali ostacoli all'efficiente diffusione dei sistemi VHCN, quali restrizioni di pianificazione, procedure più rapide per i diritti di passaggio e la necessità di istituire un organismo di coordinamento per il trattamento delle autorizzazioni e di elaborare linee guida per l'applicazione delle tariffe.

Dati sullo sviluppo della banda larga e sulle tecnologie in Croazia

Per i dati più recenti sulla copertura della banda larga, gli abbonamenti e le penetrazioni, la copertura di diverse tecnologie a banda larga e i costi controllano i rapporti del quadro di valutazione e le relazioni per paese dell'indice Digital Economy & Society (DESI).

Assegnazioni di spettro per la banda larga senza fili

Per informazioni dettagliate sulle assegnazioni armonizzate dello spettro, consultare l'Osservatorio europeo 5G.

Pubblicazioni nazionali e documenti stampa

L'Inglese

Croato

Informazioni di contatto

BCO Croazia (Ufficio nazionale di competenza a banda larga): Autorità di regolamentazione croata per le industrie di rete, Dipartimento programmi di sviluppo (HAKOM, Hrvatska regulatorna agencija za mrežne djelatnosti)

Indirizzo: Roberta Frangeša Mihanovića 9, 10110 Zagabria, Croazia Contatto via e-mail Telefono: + 385 1 700 7399 Sito web

Ministero del Mare, dei Trasporti e delle Infrastrutture (Ministarstvo mora, prometa i infrastrukture)

Indirizzo: Prisavlje 14, 10000 Zagabria, Croazia Contatto via email1 o email2 Telefono: + 385 1 6169-060/-110 Sito web

Ultime notizie

Kit di strumenti per le zone rurali: trovare opportunità di finanziamento e sostegno dell'UE per le infrastrutture digitali nelle zone rurali

Il kit di strumenti per le zone rurali aiuta a individuare e trarre vantaggio dai finanziamenti dell'UE e a sostenere iniziative volte a promuovere lo sviluppo di infrastrutture digitali nei territori rurali. Personalizza la ricerca per trovare gli strumenti finanziari, le sovvenzioni o l'assistenza tecnica adeguati.

COMUNICATO STAMPA |
La Commissione presenta nuove iniziative per le infrastrutture digitali di domani

La Commissione ha presentato una serie di possibili azioni per promuovere l'innovazione, la sicurezza e la resilienza delle infrastrutture digitali. La futura competitività dell'economia europea dipende da queste infrastrutture e servizi di rete digitale avanzati, dal momento che una connettività rapida, sicura e diffusa è essenziale per la diffusione delle tecnologie che ci porteranno nel mondo di domani: telemedicina, guida automatizzata, manutenzione predittiva degli edifici o agricoltura di precisione.

Contenuti correlati

Quadro generale

Banda larga nei paesi dell'UE

Trova le informazioni attuali sullo sviluppo della banda larga in ciascun paese, nonché le strategie e le politiche nazionali per lo sviluppo della banda larga.

Vedere anche

Banda larga in Svezia

Il piano nazionale a banda larga della Svezia, adottato nel 2016, ha la visione di una Svezia interamente connessa e ha obiettivi sia per la copertura mobile che per le connessioni a banda larga ad alta velocità per le famiglie e le imprese.

Banda larga in Spagna

La connettività digitale e la diffusione del 5G sono tra le dieci priorità strategiche dell'agenda spagnola Digital 2025.

Banda larga in Slovenia

Gli obiettivi della banda larga slovena sono in linea con gli obiettivi della società gigabit.

Banda larga in Slovacchia

La Slovacchia ha fissato l'obiettivo a lungo termine di fornire a tutte le famiglie l'accesso a Internet ultraveloce entro il 2030.

Banda larga in Romania

Il piano per la banda larga della Romania si concentra sulla creazione di una rete nazionale a banda larga come primo passo verso il conseguimento degli obiettivi di connettività dell'UE.

Banda larga in Portogallo

L'Agenda Portugal Digital mira allo sviluppo di un'infrastruttura digitale che consenta ai cittadini di sfruttare le nuove opportunità offerte dalle tecnologie.

Banda larga in Polonia

Il piano nazionale per la banda larga della Polonia 2025 è in linea con gli obiettivi della società Gigabit dell'UE.

Banda larga nei Paesi Bassi

Tutte le famiglie nei Paesi Bassi dovrebbero avere la possibilità di accedere a reti a banda larga di almeno 100 Mbps e la stragrande maggioranza dovrebbe sfruttare 1 Gbps entro il 2023.

Banda larga a Malta

La politica maltese in materia di banda larga è tecnologicamente neutra e favorisce un contesto di mercato competitivo.

Banda larga a Lussemburgo

Lo sviluppo di un'infrastruttura di comunicazione con un obiettivo di accesso a banda larga gigabit in tutto il paese è una delle priorità del programma governativo del Lussemburgo.

Banda larga in Lituania

La Lituania mira a fornire 100 Mbps entro il 2027 alle aree rurali e a sostenere gli obiettivi della società Gigabit 2025.

Banda larga in Lettonia

La Lettonia sostiene gli obiettivi della società Gigabit e punta a 100 Mbps, aggiornabili a gigabit, per le aree urbane e rurali, nonché una copertura 5G per tutte le grandi aree urbane.

Banda larga in Italia

La strategia italiana per la banda ultra larga verso la società Gigabit mira a fornire connettività gigabit a tutti entro il 2026.

Banda larga in Irlanda

Il piano nazionale a banda larga per l'Irlanda prevede che entro il 2026 tutti i locali in Irlanda avranno accesso alla banda larga ad alta velocità.

Banda larga in Ungheria

Il progetto di strategia nazionale di digitalizzazione 2021-2030 dell'Ungheria mira a raggiungere l'obiettivo del 95 % delle famiglie coperte da reti gigabit entro il 2030.

Banda larga in Grecia

La Bibbia di trasformazione digitale greca 2020-2025 evidenzia la connettività come uno dei cinque assi strategici e riconosce gli obiettivi della Gigabit Society 2025.

Banda larga in Germania

L'accordo di coalizione 2021, la strategia digitale e la strategia Gigabit 2022 del governo federale tedesco danno priorità all'offerta nazionale di reti FTTH e 5G.

Banda larga in Francia

Il programma nazionale a banda larga France Très Haut Débit fissa un obiettivo di accesso rapido alla banda larga per tutte le famiglie entro il 2022 e fibra per tutti entro il 2025.

Banda larga in Finlandia

Le autorità finlandesi sono favorevoli all'introduzione di una rete basata sulla concorrenza e basata sulla fibra, assistita da fondi pubblici per le aree scarsamente servite e consulenza per i comuni locali sulle modalità di diffusione delle reti a banda larga.

Banda larga in Estonia

L'Estonia ha stabilito la copertura di base della banda larga in tutto il paese. L'agenda digitale estone fissa obiettivi ambiziosi per il 2030.

Banda larga in Danimarca

Una serie di iniziative politiche volte alla copertura della banda larga fissa e mobile a livello nazionale sostengono gli obiettivi della banda larga danese. Il governo lavora per rendere la Danimarca un leader digitale creando una base per le imprese danesi per sfruttare le...

Banda larga nella Repubblica Ceca

Il piano nazionale per lo sviluppo di reti ad altissima capacità, approvato nel marzo 2021, definisce l'approccio strategico della Repubblica ceca alla costruzione di VHCN.

Banda larga a Cipro

Il piano per la banda larga di Cipro fissa obiettivi strategici per il periodo 2021-2025 e comprende interventi legislativi e normativi nonché un sostegno pratico allo sviluppo delle infrastrutture a banda larga.

Banda larga in Bulgaria

Il piano nazionale per le infrastrutture a banda larga per l'accesso di nuova generazione "Bulgaria connessa" e la politica in materia di comunicazioni elettroniche sono stati aggiornati e adottati nell'agosto 2020.

Banda larga in Belgio

La strategia per la banda larga del Belgio è integrata in una strategia politica più ampia Digital Belgium. L'obiettivo del piano nazionale per la banda larga fissa e mobile è eliminare le restanti aree bianche in cui i servizi ad alta velocità non sono disponibili. Riducendo i...

Banda larga in Austria

La strategia per la banda larga austriaca si concentra sulla fornitura a livello nazionale di connessioni Gigabit (fisse e mobili) entro il 2030.