Skip to main content
Plasmare il futuro digitale dell'Europa

Il codice di buone pratiche sulla disinformazione 2022

Le principali piattaforme online, le piattaforme emergenti e specializzate, gli attori del settore pubblicitario, i verificatori di fatti, le organizzazioni di ricerca e della società civile hanno presentato un codice di buone pratiche rafforzato sulla disinformazione in seguito agli orientamenti della Commissione del maggio 2021

© European Commission

Il codice di buone pratiche rafforzato sulla disinformazione è stato firmato e presentato il 16 giugno 2022 da 34 firmatari che hanno aderito al processo di revisione del codice 2018. Altri nove firmatari si sono uniti da allora.

Il nuovo codice mira a conseguire gli obiettivi degli orientamenti della Commissione presentati nel maggio 2021, stabilendo una gamma più ampia di impegni e misure per contrastare la disinformazione online.

Il codice di buone pratiche 2022 è il risultato del lavoro svolto dai firmatari. Spetta ai firmatari decidere quali impegni sottoscrivere ed è loro responsabilità garantire l'efficacia dell'attuazione dei loro impegni. Il codice non è approvato dalla Commissione, mentre la Commissione ha esposto le sue aspettative negli orientamenti e ritiene che, nel suo complesso, il codice soddisfi tali aspettative.

I firmatari si sono impegnati ad agire in diversi settori, ad esempio; demonetizzare la diffusione della disinformazione; garantire la trasparenza della pubblicità politica; responsabilizzare gli utenti; rafforzare la cooperazione con i verificatori di fatti; fornire ai ricercatori un migliore accesso ai dati.

Riconoscendo l'importanza di rendere il codice adeguato alle esigenze future, i firmatari hanno convenuto di istituire un quadro per un'ulteriore collaborazione attraverso una task force permanente. Il codice è inoltre dotato di un quadro di monitoraggio rafforzato basato su elementi di rendicontazione qualitativa e indicatori a livello di servizio che misurano l'efficacia della sua attuazione. I firmatari hanno istituito un centro perla trasparenza, che fornisce al pubblico una chiara panoramica delle politiche che hanno messo in atto per attuare i loro impegni e aggiornarlo regolarmente con i dati pertinenti.

Il codice rafforzato

Il codice di buone pratiche sulla disinformazione è uno strumento unico nel suo genere attraverso il quale i soggetti interessati del settore hanno concordato — per la prima volta nel 2018 — sugli standard di autoregolamentazione per combattere la disinformazione.

Il suo processo di revisione è stato avviato nel giugno 2021 e, dopo la firma e la presentazione del codice riveduto il 16 giugno 2022, il nuovo codice entrerà a far parte di un quadro normativo più ampio, in combinazione con la legislazione sulla trasparenza e l'obiettivo della pubblicità politica e la legge sui servizi digitali. Per i firmatari che sono piattaforme online di dimensioni molto grandi, il codice mira a diventare una misura di mitigazione e un codice di condotta riconosciuto nell'ambito del quadro di coregolamentazione del DSA.

Il codice di buone pratiche rafforzato contiene 44 impegni e 128 misure specifiche, nei seguenti settori.

  • Demonetizzazione: riduzione degli incentivi finanziari per i fornitori di disinformazione

    Il codice rafforzato mira a garantire che i fornitori di disinformazione non traggano beneficio dai proventi della pubblicità. I firmatari si impegnano a rafforzare le misure per evitare l'inserimento di pubblicità accanto alla disinformazione, nonché la diffusione di pubblicità contenente disinformazione. Il codice istituisce inoltre una cooperazione più efficace tra gli attori del settore pubblicitario, consentendo un'azione comune più forte.  

  • Trasparenza della pubblicità politica

    Riconoscendo l'importanza della pubblicità politica nel plasmare la vita pubblica, il codice rafforzato impegna i firmatari a mettere in atto misure di trasparenza più rigorose, consentendo agli utenti di riconoscere facilmente gli annunci politici fornendo un'etichettatura più efficiente, impegnandosi a rivelare lo sponsor, la spesa pubblicitaria e il periodo di visualizzazione.  Inoltre, i firmatari si impegnano a creare librerie pubblicitarie efficienti e ricercabili per la pubblicità politica.

  • Garantire l'integrità dei servizi

    Il codice rafforzerà le misure volte a ridurre il comportamento manipolativo utilizzato per diffondere la disinformazione (ad esempio account falsi, amplificazione guidata da bot, impersonazioni, falsi profondi dannosi) e instaura una cooperazione rafforzata tra i firmatari per combattere le sfide connesse a tali tecniche. Una comprensione trasversale dei comportamenti e delle pratiche manipolatori non consentiti per diffondere la disinformazione sarà concordata tra i firmatari. Saranno inoltre tenuti a rivedere periodicamente l'elenco delle tattiche, tecniche e procedure (TTP) utilizzate da attori malintenzionati e attueranno politiche chiare, che coprono la gamma di comportamenti e pratiche individuate.

  • Responsabilizzare gli utenti

    Gli utenti saranno meglio protetti dalla disinformazione attraverso strumenti potenziati per riconoscere, comprendere e segnalare la disinformazione, per accedere a fonti autorevoli e attraverso iniziative di alfabetizzazione mediatica. In particolare, il codice garantirà che siano messe in atto pratiche di progettazione sicure per limitare la diffusione della disinformazione e garantire una maggiore trasparenza dei loro sistemi di raccomandazione, adattandoli per limitare la propagazione della disinformazione.

  • Responsabilizzare i ricercatori

    Il codice prevede che le piattaforme online forniscano un sostegno migliore alla ricerca sulla disinformazione. I ricercatori avranno un accesso migliore e più ampio ai dati delle piattaforme. Ciò significa garantire l'accesso automatizzato a dati non personali, anonimizzati, aggregati o resi manifestamente pubblici e adoperarsi per istituire una struttura di governance per semplificare l'accesso ai dati che richiedono un ulteriore controllo.

  • Responsabilizzare la comunità di fact-checking

    Il nuovo codice estenderà la copertura del controllo dei fatti in tutti gli Stati membri e le lingue dell'UE e garantirà che le piattaforme utilizzino in modo più coerente la verifica dei fatti sui loro servizi. Inoltre, il codice si adopera per garantire un equo contributo finanziario per il lavoro dei verificatori di fatti e un migliore accesso ai verificatori dei fatti alle informazioni che facilitano il loro lavoro quotidiano.

  • Centro per la trasparenza e task force

    Il Centro per la trasparenza, accessibile a tutti i cittadini, consentirà una facile panoramica dell'attuazione delle misure del codice, fornendo trasparenza e aggiornamenti periodici dei dati pertinenti. La task force permanente manterrà il codice a prova di futuro e adatto allo scopo, istituendo un forum — tra l'altro — per riesaminare e adeguare gli impegni alla luce degli sviluppi tecnologici, sociali, di mercato e legislativi. La task force è composta da rappresentanti dei firmatari, dal gruppo dei regolatori europei per i servizi di media audiovisivi, dall'Osservatorio europeo dei media digitali e dal Servizio europeo per l'azione esterna ed è presieduta dalla Commissione.

  • Quadro di monitoraggio rafforzato

    Il codice è dotato di un solido quadro di monitoraggio, che comprende indicatori a livello di servizio per misurare l'attuazione del codice in tutta l'UE e a livello di Stati membri. Nel gennaio 2023 i firmatari forniscono alla Commissione le prime relazioni di base sulla loro attuazione del codice. Successivamente, le piattaforme online molto grandi, come definite nella legge sui servizi digitali (DSA),riferiscono di nuovo dopo sei mesi, mentre altri firmatari riferiscono su base annuale. Il codice rafforzato contiene inoltre un chiaro impegno ad adoperarsi per la definizione di indicatori strutturali, che consentano di misurare l'impatto complessivo del codice sulla disinformazione. Un primo set iniziale è già stato pubblicato.

Dal momento che il codice rafforzato è stato presentato per la prima volta, i firmatari hanno lavorato su diversi elementi da fornire delineati nel codice. Ciò include la pubblicazione di una prima serie di indicatori strutturali che forniscono informazioni sulla disinformazione sui servizi delle piattaforme o l'istituzione di un sistema di risposta rapida per garantire una cooperazione rapida ed efficace durante i periodi elettorali, operativo per le elezioni del Parlamento europeo del giugno 2024.

Ad oggi, i firmatari hanno pubblicato tre cicli di relazioni che illustrano i progressi compiuti nella lotta alla disinformazione. Tutte le relazioni sono consultabili sul Centro per la trasparenza.

Passi avanti

Insieme al gruppo dei regolatori europei per i servizi di media audiovisivi (ERGA) eall'Osservatorio europeodei media digitali (EDMO), laCommissionevaluta regolarmentei progressi compiuti nell'attuazione del codice, sulla base delle relazioni granulari qualitative e quantitative previste dai firmatari.

La task force istituita, che si riuniscesenecessario e almeno ogni sei mesi, monitorae adatta gli impegniallaluce degli sviluppi tecnologici, sociali, di mercato e legislativi.

La Commissione prevede di avviare rapidamente la procedura relativa al riconoscimento del codice di condotta come codice di condotta ai sensi della leggesui servizi digitali.

La strada che ha portato al Codice Rafforzato 2022

A seguito della valutazione della Commissione del suo primo periodo di attuazione, nel maggio 2021 la Commissione ha pubblicatoorientamentidettagliati per affrontare le carenze del codice 2018, proponendo soluzioni per renderlo più efficace. I firmatari del codice 2018, uniti da un'ampia gamma di potenziali firmatari, si sono impegnati nel processo di revisione che ha portato al codice rafforzato presentato alla Commissione il 16 giugno 2022.

Ultime notizie

COMUNICATO STAMPA |
Le piattaforme online hanno prestato particolare attenzione alle elezioni nel terzo gruppo di relazioni nell'ambito del codice di buone pratiche sulla disinformazione

Oggi, i firmatari del Codice di buone pratiche sulla disinformazione, tra cui le principali piattaforme online come Google, Meta, Microsoft e TikTok, hanno pubblicato la terza serie di relazioni che descrivono in dettaglio le azioni che stanno intraprendendo per combattere la diffusione della disinformazione online, con particolare attenzione alle prossime elezioni europee di giugno.

Contenuti correlati

Quadro generale

Affrontare la disinformazione online

La Commissione sta affrontando la diffusione della disinformazione online e della disinformazione per garantire la protezione dei valori europei e dei sistemi democratici.

Vedere anche